Scopri chi sei e non avere paura di esserlo”, così parlò Gandhi.

In questo periodo, però, esplorare al di là della propria zona di sicurezza è molto più complicato di quanto si pensi. Le persone si alzano al mattino perlopiù con l’obiettivo di mantenersi a galla: un lavoro, una casa e del cibo caldo nello stomaco. Uscire dalla propria comfort zone è un lusso ed è per questo che artisti come Ron James Gallo devono, con la loro musica, dare speranza a chi ormai dalla propria monotona e meccanica routine non può, per necessità, più uscire. 

Quando non si è famosi si cerca di essere sempre diversi dagli altri e quando, dopo tanti sacrifici, finalmente il successo arriva si smette di voler cambiare, si ha paura di perdere quella formula magica. Si rimane quindi ancorati al proprio stile per paura di perdere tutto. Questo modus operandi che spinge tutti a mettersi comodi e a non muoversi più è il percorso mentale da cui Gallo fugge con il suo ultimo album, PEACEMEAL. Per dare maggior rilevanza alla sua rinascita spirituale, Ron lancia uno shop online, per condividere i suoi interessi e i suoi pensieri in altra forma, dando vita a una linea di abbigliamento con la quale riesce a far passare il messaggio: “sii te stesso”. In questo LP, si vede Gallo venire fuori dai confini oscuri del Garage Rock e fare musica senza porsi un solo limite, strappando le maglie stringenti di quelle camicie di forza che sono le etichette. Il risultato è un miscuglio di Hip-Hop ’90, R&B, Weird Pop, Jazz e Punk: in poche parole il suo concetto di “musica pop”. Gallo appare libero da aspettative e intento a esplorare la musica con un tocco di spensieratezza che si avverte in ogni singolo strumento. 

A registrare quasi tutte le tracce strumentali, d’altra parte, è Ron stesso, con l’assistenza del produttore Allen (Gnarls Barkley, Animal Collective). Ascoltando l’album si nota come Gallo ci abbia messo tutto se stesso: in ogni pezzo ascoltiamo effetti diversi sulla voce, suoni bizzarri e differenti distorsioni a fare da cornice. Per sua stessa ammissione, Gallo ama creare nelle canzoni un’atmosfera strana per dare vita a momenti speciali che catturino l’attenzione: “È come fare qualcosa di imprevisto per qualcuno che soffre di deficit di attenzione”.  Per di più, oltre a curare l’aspetto musicale, Gallo si diverte a creare da solo le copertine dei suoi album. PEACEMEAL è un disco che mette in evidenza l’enorme volontà di Ron Gallo nell’allargare i propri confini musicali e artistici.

Il suo ventaglio di influenze e riferimenti è sconfinato, ma la dote di Ron sta proprio nel non tradire le proprie radici, integrandole perfettamente con nuove scoperte, esperienze e contaminazioni.

Trovi questo e tanti altri approfonidmenti tra le pagine dei nostri libri

Non l'hai ancora fatto?

ULTIMI ARTICOLI

Intervista a Tom Lord-Alge

Poco prima dell’inizio della “maledetta pandemia”, abbiamo avuto la fortuna di incontrare ai Noise Factory Studios di Milano Tom Lord-Alge, in occasione della Masterclass internazionale

CONTINUA A LEGGERE
Torna su