The Mushrooms è il “fucking power duo from Naples” composto da Antonio Scimonetti (chitarra e voce) e Cristiano Del Gaudio (batteria).

I due iniziano a suonare insieme nel 2014, cambiando diverse formazioni fino al consolidamento del loro “dualizio” attuale. La storia della loro genesi sembra influenzata da quella pura casualità che fa incontrare due ragazzi e li spinge poi a suonare insieme, dapprima per diletto, poi in studio. La stessa in fondo che, senza una spiegazione precisa, fa del tronco la casa del fungo.

Citando testualmente la loro biografia: “i Mushrooms fanno semplicemente quello che gli piace, non vogliono “apparire” o compiacere il pubblico, vogliono esprimere i loro sentimenti crudi, vogliono essere uno schiaffo dritto in faccia e portare alle orecchie di tutti quello che hanno da dire senza farci troppi giri intorno.

Siamo i funghi e siamo nati dalla muffa.

Ma casualità è per definizione anche unicità, e questa condizione persiste nell’approccio alla fase di creazione: i The Mushrooms non dividono la realtà in disco e palcoscenico, ma fanno dell’estro irripetibile tipico del live il loro elemento caratterizzante.

Ne è testimone il loro EP omonimo, di cui è stata registrata anche una versione live: un rincorrersi continuo di suoni, come giri di parole tra musicisti, grida a stento ricostruibili che si disperdono in fade out e il vigore del Grunge che si mischia a un impasto di paranoia autocommiserativa.

Why Am I So Angry With You? e CaAgbe sono le tracce più riuscite dell’album: la prima per maggiore consistenza strutturale; la seconda per l’uso, se non anticonvenzionale, quanto meno inaspettato degli effetti nei refrain e per la spettacolare chiusura.

  

Quella dei The Mushrooms è la risposta che non c’è alla domanda “perché?”, musica che viene dal nulla ed è lì che tornerà, una goccia sul soffitto di giorno che diventa pozzanghera di notte.

Muffa che cresce, estetica musicale del parassita.

Sinergia e talento strumentale. Nello scenario della musica emergente nostrana, i The Mushrooms sono l’angolo Full Of Dust che ogni casa nasconde. Anche per questo, meritano di essere su queste pagine.

Trovi questo e tanti altri approfonidmenti tra le pagine dei nostri libri

Non l'hai ancora fatto?

ULTIMI ARTICOLI

Intervista a Tom Lord-Alge

Poco prima dell’inizio della “maledetta pandemia”, abbiamo avuto la fortuna di incontrare ai Noise Factory Studios di Milano Tom Lord-Alge, in occasione della Masterclass internazionale

CONTINUA A LEGGERE
Torna su